Archivi categoria: Medioevo

Disponibili gli Atti del 34° Convegno di Ricerche Templari

Atti 34° Convegno LR
ATTI XXXIV CONVEGNO – Nizza Monferrato 2016
a cura della LARTI – Libera Associazione Ricercatori Templari Italiani
cm 14 x 21 – pp. 136 – ill. b/n – euro 11,00

ACQUISTA ONLINE


Relazioni contenute nel volume:
– Loredana Imperio: “Due controversi maestri del Tempio: Philippe de Nablus e Odon de Saint Amand”.
– Fernando Lanzi: “La devozione nell’Ordine del Tempio”.
– Giampiero Bagni: “Lo scavo archeologico di Santa Maria del Tempio a Bologna: primi risultati”.
– Vito Ricci: “Presenza templare in Dalmazia”.
– Fabio Serafini: “La bolla papale “Dura nimis est” sull’eventuale fusione degli Ordini templare e giovannita”.
– Sergio Sammarco: “Un documento cistercense riguardante i Templari portoghesi”.
– Fabio Serafini: “Falsi e inesattezze nella ricerca templare”.

Presentazione a Bevagna di “Practica brevis” e del “Tacuinum Sanitatis”

Il “Tacuinum Sanitatis, un prontuario medico del XIV secolo”, pubblicato in anastatica a cura della gaita Santa Maria di Bevagna, e il libro “Practica brevis, un manuale di medicina pratica del XII secolo“, pubblicato dalle Edizioni Penne & Papiri, verranno presentati insieme sabato 22 aprile (ore 16,00), presso l’Auditorium Santa Maria Laurentia a Bevagna; interverranno Maurizio Tuliani, Giuseppe Lauriello, Allen J. Gieco.

 

 

“L’Ordine del Tempio a Bologna e Modena”, di Evelin Leva, tra i finalisti al Buk Festival

11701035_10206811928607113_4877364021101065624_n

Il libro di Evelin Leva, “L’Ordine del Tempio a Bologna è Modena”, è tra i finalisti della prima edizione del Premio letterario, al Buk Festival di Modena.

Come specificato sul sito dell’evento, «la cerimonia di premiazione si terrà in occasione di Buk Festival della piccola e media editoria sabato 18 febbraio alle ore 21.00 presso l’Auditorium Marco Biagi – Largo Marco Biagi n. 10 Modena».
finalisti_sito

Penne & Papiri al Festival del Medioevo 2017

fotofdm2017_con_date_2

Come per il passato la casa editrice Penne & Papiri sarà presente a Gubbio alla terza edizione del “Festival del Medioevo”, che si svolgerà dal 27 settembre al 1° ottobre 2017: cinque giorni intensi di incontri, conferenze, presentazioni, mostre, mercati, concerti e spettacoli, tutti dedicati al medioevo.

“L’Ordine del Tempio a Bologna e Modena” sul bollettino del Centro Studi sull’Alto Medioevo di Spoleto

11701035_10206811928607113_4877364021101065624_n

La nostra pubblicazione “L’Ordine del Tempio a Bologna e Modena”, di Evelin Leva, è stata segnalata sul periodico “Studi Medievali”, bollettino del C.I.S.A.M. (Centro Italiano Studi sull’Alto Medioevo di Spoleto).

logo

notizie-ii-2016-01

notizie-ii-2016-66

notizie-ii-2016-67

Catalogo: “Respice Arcanum – Il Papa”

Il Papa - copertina2

“Respice Arcanum – Il Papa”
romanzo storico di Barbara Frale
cm 14×21 – pp. 312 – euro 13,50

btn_cart_LG

Si tratta del primo di una saga medievale che narra, in forma di romanzo, la vera storia dello scontro tra Bonifacio VIII e il re di Francia Filippo il Bello, oltre al processo contro l’Ordine dei Templari.

«Roma, anno 1301.
Arnaldo da Villanova, celebre medico e alchimista, ha una visione tremenda: presto scoppierà una guerra tra papa Bonifacio VIII e il re di Francia Filippo IV il Bello, dalla quale verranno gravi disgrazie per la Chiesa.
Covando rancore verso il re che voleva condannarlo come stregone, Arnaldo concepisce una temibile vendetta: compone un Rebis, potentissima figura alchemica che dovrà infliggere al crudele sovrano cocenti dolori, e frenare così la sua aggressione contro la Chiesa.
Dopo aver nascosto l’Arcano dentro un prezioso monile, l’alchimista lo consegna a Maddalena Caetani, giovane nipote del papa fidanzata a un nobile francese: sarà lei, l’inconsapevole strumento attraverso il quale il sortilegio giungerà a Parigi, dove compirà la vendetta sul re.
Ma le forze dell’Invisibile sono difficili da governare, e persino un grande sapiente come Arnaldo da Villanova deve fare i conti con l’imprevedibile: Crescenzio Caetani, fratello della ragazza, scopre nel medico papale un’intenzione recondita e disonesta, perciò gli impedisce di completare la sua opera.
Il destino è segnato.
L’Arcano sembra prendere vita propria, e trascina lungo le sue rotte imperscrutabili la vita di quanti sono ad esso legati».

Festival del Medioevo: il grande racconto della Storia (Gubbio, 4-9 ottobre 2016)

ce0fe65c-2328-4811-be44-8642a33e13d4

Conto alla rovescia per il programma ufficiale del Festival del Medioevo. “Europa e Islam”: la storia di un rapporto tormentato e vitale, sarà il filo conduttore della seconda edizione della manifestazione che si terrà a Gubbio dal 4 al 9 ottobre 2016.

In sei giorni, più di ottanta relatori si alterneranno sul palco del Centro Convegni Santo Spirito, una grande costruzione medievale ricavata da un monastero del XIII secolo, a pochi passi dalla centrale Piazza Quaranta Martiri.

Decine gli incontri e i “faccia a faccia”: storici, saggisti, filosofi, scrittori, registi e giornalisti saranno i protagonisti del grande racconto di dieci secoli di storia, dalla caduta dell’impero romano alla scoperta dell’America (476-1492).

La grande operazione di divulgazione storica troverà il suo clou nella Fiera del Libro Medievale. Trenta case editrici presenteranno al vasto pubblico degli appassionati saggi, romanzi, biografie, approfondimenti tematici e i grandi classici dell’età medievale: tutto quello che c’è da leggere e sapere per conoscere meglio l’Età di Mezzo.

Medioevo e futuro si incontreranno in un evento dedicato alla moderna arte amanuense: Miniatori e calligrafi dal mondo, l’appuntamento costruito in collaborazione con la casa editrice “Arte Libro unaluna”, vuol rendere omaggio a Steve Jobs, l’inventore di Apple, che nella scuola del calligrafo Palladino apprese i segreti dei caratteri, l’eleganza dei segni e i messaggi subliminali del design, che poi trasferì ai “font” del Mac.

Alla Tavola rotonda del Web verranno presentati i siti on line specializzati sul Medioevo.

Un apposito spazio della Biblioteca Sperelliana sarà riservato al Medioevo dei bambini con letture, laboratori d’arte e corsi di  disegno.

I Medievalismi, ovvero le rappresentazioni e l’uso postmedievale del Medioevo attraverso le mode, il costume, il cinema, l’arte, la politica, la comunicazione e la musica pop saranno al centro di appositi “focus” di approfondimento.

Sotto le volte del Centro Servizi Santo Spirito troveranno posto anche gli stand dedicati alle botteghe medievali e ai mestieri d’arte.

Le strade e le piazze di Gubbio faranno da sfondo a decine di altri eventi collaterali: mostre, concerti, rievocazioni, esibizioni e spettacoli.

Il Mercato Medievale (venerdì 7 e sabato 8 ottobre) sarà curato dai quattro quartieri storici eugubini e presenterà prodotti di eccellenza artigiana e gastronomia a km 0. Nel mercato vigerà una moneta autonoma: gli acquisti si pagheranno in quattrini ed eugubini, che si potranno ritirare al banco di cambio medievale.

Due tra i tanti appuntamenti, vedranno protagonisti i musicisti dell’Ensemble Micrologus, il gruppo vocale-strumentale che sovrintende al programma musicale della manifestazione: il concerto (sabato 8 ottobre) “Canti di crociate e di blasfemia” e “Gomorra medievale” (venerdì 7 ottobre) lezione – spettacolo dello storico Amedeo Feniello sulle antiche radici di una cultura criminale.

Una esposizione ospitata nelle sale della Biblioteca Sperelliana racconterà ai visitatori “L’universo di Tolkien”.

Il Festival del Medioevo, in collaborazione con il Cians (Comitato Italiano Associazioni Nazionali Storiche), ospiterà anche una conferenza convocata dagli Stati Generali della Rievocazione Storica per fare il punto su una recente proposta di legge che riguarda centinaia di associazioni in tutta Italia.

Il Festival gode del patrocinio scientifico dell’Isime, l’Istituto Storico Italiano per il Medioevo e coinvolge autori provenienti da venti università italiane e europee.

La RAI, Radio Televisione Italiana, è media partner dell’evento con i canali tematici di Rai Storia e RAI Radio3.

Collaborano con la manifestazione anche il mensile cartaceo Medioevo e tre siti web: Italia Medievale, impegnata nella promozione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano, Feudalesimo e Libertà, fenomeno social di goliardia e satira politica e MediaEvi, pagina Facebook specializzata nell’analisi dei medievalismi.

La manifestazione, organizzata dall’Associazione culturale Festival del Medioevo in collaborazione con il Comune di Gubbio, gode dei patrocini istituzionali del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Regione Umbria e della Camera di Commercio di Perugia ed è sostenuta dal Gruppo Azione Locale Alta Umbria (GAL Alta Umbria) e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Molti e qualificati i protagonisti dell’evento. L’elenco completo dei relatori si può consultare all’indirizzo web della manifestazione: www.festivaldelmedioevo.it.

Anteprime e notizie anche su @FestivalDelMedioevo, la pagina facebook della manifestazione seguita da oltre 26.000 persone.

(06 settembre 2016)

Ufficio stampa: redazione@festivaldelmedioevo.it

Tel. 340 5218017 | 338 6636016